Tributi

 

 

 


 

 La Politica Fiscale della Repubblica di San Marino è decisa dal Parlamento (Consiglio Grande e Generale)  sulla base delle indicazioni e delle proposte del Governo, nel rispetto delle linee guida enunciate nei documenti di programmazione economica annuali.

Gli uffici della pubblica amministrazione competenti nella riscossione delle imposte dirette ed indirette fanno parte del Dipartimento Finanze e Bilancio, che afferisce alla Segreteria di Stato per le Finanze e il Bilancio.

L’impianto normativo dell’imposta generale sui redditi è costituito dalla Legge del 1984 n.91 e dai successivi provvedimenti di modifica e integrazione. Il principio generale della normativa prevede che siano tassati tutti redditi prodotti in territorio e quindi i redditi:

  • da lavoro dipendente e autonomo
  • d’impresa
  • da fabbricati e terreni
  • di capitale.

L’imposizione avviene, a seconda dei casi, applicando ritenute d’acconto in corso d’anno con il successivo versamento di un conguaglio a seguito di dichiarazione, oppure, con l’applicazione di ritenute a titolo definitivo.
La dichiarazione annuale resa dal contribuente forma il reddito imponibile, che è il risultato di tutti redditi prodotti nell’anno al netto da eventuali passività deducibili. Sul reddito imponibile sono applicate le aliquote di legge.

Per ciò che concerne le imposte indirette la principale imposta sammarinese è l’imposta sulle importazioni (anche denominata monofase). L’imposta è applicata su tutte le importazioni di beni e sui servizi connessi all’importazione. Il soggetto passivo d’imposta è costituito dall’importatore. Gli esportatori abituali hanno diritto al rimborso dell’imposta a seguito della cessione della merce fuori territorio. Attraverso una dichiarazione annuale resa dal contribuente viene determinato il conguaglio fra l’imposta dovuta e quella da rimborsare per effetto delle esportazioni.

Con la legge finanziaria 2011 è stata introdotta nell’ordinamento fiscale sammarinese l’imposta complementare sui servizi, applicata sui corrispettivi dovuti dai soggetti privati agli operatori economici sammarinesi per servizi o prestazioni d’opera ricevuti.

L’attività di riscossione e controllo delle dichiarazioni relativamente all’imposta generale sui redditi è di competenza dell’ Ufficio Tributario a cui spetta anche l’attività di riscossione, controllo e accertamento dell’imposta generale sulle importazioni (monofase).

L’ufficio tributario svolge inoltre alcune funzioni in materia doganale, anche se l’attività vera e propria è svolta dalle dogane comunitarie (attualmente solo italiane) in base all’accordo di unione doganale San Marino – UE.  All’Ufficio Tributario compete fra le altre cose anche l’attività di riscossione e accertamento dell’imposta speciale sui prodotti petroliferi (accisa) e delle ritenute applicate in attuazione dell’accordo San Marino – UE che introduce misure equivalenti a quella della direttiva 2003/48 (tassazione dei redditi da risparmio).

L’ Ufficio Registro e Conservatoria , sempre del Dipartimento Finanze, si occupa della riscossione e dell’accertamento:

  • dell’imposta di registro applicata a diverso titolo e in differente misura per la registrazione di contratti,
  • dell’imposta di trascrizione degli atti nei pubblici registri,
  • dell’imposta di voltura relativa alla compravendita di immobili
  • dell’imposta di bollo.

Servizi all'utenza ufficio del Registro

L’attività di accertamento dell’imposta generale sui redditi è di competenza di due distinte commissioni: la Commissione degli Accertamenti dei Redditi delle Persone Fisiche e la Commissione degli Accertamenti dei Redditi delle Persone Giuridiche, che operano in base a piani di accertamento annuali e in base alle segnalazioni derivanti dall’attività di controllo dell’Ufficio Tributario.

Il contenzioso fra l’Amministrazione Fiscale e il contribuente in materia di imposta generale sui redditi è di competenza della Giunta di Stima, la quale può convalidare o rettificare le decisioni della competente Commissione degli Accertamenti. Avverso le decisioni della Giunta di Stima è ammesso ricorso al Commissario della Legge.

Il contenzioso fra l’Amministrazione Fiscale e il contribuente relativamente alle altre imposte e tasse compete invece al Giudice Amministrativo, secondo i gradi previsti dalla legge sammarinese.

La riscossione in via esecutiva delle imposte, tasse e altri tributi non riscossi entro i termini ammessi dalla legge spetta al Dipartimento Esattoria della Banca Centrale della Repubblica di San Marino la quale dà luogo alle azioni di recupero sulla base del “ruolo” , ovvero, il titolo esecutivo emesso dall’ufficio impositore nei confronti del contribuente inadempiente.

L’attività di scambio di informazioni nell’ambito della cooperazione fiscale internazionale è affidata all’Ufficio Centrale di Collegamento (CLO) il quale dipende congiuntamente dalla Segreterie per le Finanze, dalla Segreteria Industria e dalla Segreteria Affari Esteri. Amministrativamente il CLO appartiene al Dipartimento attività produttive.

I contribuenti possono compilare il modulo IGR on-line registrandosi in questa pagina .

Informazioni e contatti in www.finanze.sm

 

Portale Ufficiale della Repubblica di San Marino

Powered by Ariadne / CMS