Informazioni generali Castello di Fiorentino

 
 
Il Castello di Fiorentino
Fiorentino è la terra dei tre Castelli. Di Castellaccio e del castello di Pennarossa si possono ancora osservare i ruderi. Del Castello di Pennarossa, oggetto di un attento lavoro di ripulitura e di bonifica fin dalla prima metà degli anni sessanta, sono visibili le fondazioni, il mastio, i camminamenti e una cisterna nella roccia. Mentre non v’è più traccia del castello di Torricella. Nel vasto giardino di una casa colonica, non lontano dal centro, troviamo ancora il “Vascone”. Qui, nella notte del 30 luglio 1849, Garibaldi e le sue truppe si sarebbero fermati per dissetarsi e trovar ristoro dalle fatiche della lunga marcia verso Venezia. Dal monte Carlo, l’aviatore triestino Gianni Widmer, effettuò, nel 1913, una memorabile impresa: il primo volo sul cielo di San Marino. Con il suo Blèriot 50 cavalli, toccò quota 1.600 metri prima di atterrare sul pianoro, dopo undici minuti di volo. A ricordare l’impresa di Widmer, insignito da San Marino della medaglia d’oro di prima classe al merito civile, un cippo eretto sul pianoro dove avvenne l’atterraggio. Il monumento fu realizzato dallo scultore Carlo Reffi, mentre l’epigrafe è di Pietro Franciosi. Abitato fin dalle epoche preromane e romane, il castello di Fiorentino è anche sito di importanti ritrovamenti archeologici. Lo testimonia il ritrovamento di tombe del periodo repubblicano avvenuto nel 1910. Di tale ritrovamento il Museo di Stato conserva un vaso e vari frammenti di fìttili. Con un territorio che si estende per circa sei chilometri quadrati e mezzo, il castello continua a caratterizzarsi per la bellezza delle sue campagne, nonostante l’intenso sviluppo economico registrato negli ultimi anni. Anche l’edilizia residenziale è in forte sviluppo.
Profilo economico
Dominano l’economia del castello il terziario con 144 attività e il settore industriale con 78 attività. Ma la terra non è stata dimenticata: la coltivazione dei cereali si affianca all’allevamento del bestiame.
Servizi
Nel castello si trovano la scuola elementare e la scuola dell’infanzia. Il Centro sociale, presso cui ha sede la Casa del castello. Non molto distante una moderna Chiesa dedicata a San Bartolomeo. Non mancano le strutture per le attività sportive. L’ultima domenica di luglio si svolge la festa del castello in onore di San Bartolomeo. Ancora più famosa la festa del fuoco, detta della Focheraccia, del 18 marzo in onore di San Giuseppe.
 
 

Portale Ufficiale della Repubblica di San Marino

Powered by Ariadne / CMS